Archivi tag: salone libro torino

Self publishing: Amazon al Salone del Libro Torino

Salone del libro Torino - Il Blog degli scrittori Amazon KDP

Salone del libro Torino – Il Blog degli scrittori Amazon KDP

Nel post precedente presa da un senso di sano (o insano, dipende dai punti di vista) egocentrismo, ho deciso di parlarti delle mie impressioni – sui due eventi che ho seguito al Salone del Libro di Torino – prima di riportare il dettaglio delle conversazioni tra gli ospiti.

Qui ti riporto pari pari quello che ho scritto nel mio taccuino sull’evento che mi interessava di più: Avanti chi scrive, tu sarai il prossimo di Amazon KDP.

Gli ospiti

Mia Ceran, moderatrice dell’evento, ha presentato i tre scrittori che hanno autopubblicato i loro romanzi con Amazon KDP e li ha definiti così:

“Persone che facevano altro nella vita, oggi sono scrittori di successo.”

Si tratta di: Giulia Beyman, Riccardo Bruni e Massimo Volta.
Sulla scrittrice Giulia Beyman dice subito: “L’ebook più venduto su Amazon nel 2014 è stato il suo: Prima di dire addio (Nora Cooper Misteryes).” Questo te l’avevo già detto (nel post a cui mi riferivo sopra). Ma senti cosa ha aggiunto Mia Ceran:

“Giulia Beyman ha fatto diversi lavori nella vita ma oggi è una scrittrice a tempo pieno.”

Credo possa farti piacere saperlo – a me l’ha fatto – ma meglio rimanere con i piedi per terra. Non è che domani mattina vai dal capo e gli dici “Ciaooooone!” perché t’ho detto sta cosa. Kafka è diventato famoso dopo la sua morte (anche perché da vivo non voleva divulgare le sue opere), fa un po’ te!

Ma andiamo con ordine. Le persone presenti all’evento, oltre agli scrittori, erano:

– Giulia Poli, responsabile di Kindle Content per l’Italia

– Alessandro Giuffré: responsabile del servizio di stampa CreateSpace di Amazon, per Italia e Spagna.

Quando definirsi scrittori?

Mia Ceran si rivolge ai 3 autori indipendenti: “Quando avete capito di essere scrittori?”

Giulia Beyman: “A 20 anni pensavo fosse presuntuoso definirmi scrittrice. Con Amazon ho avuto una grande opportunità. Immaginavo le potenziali vite dei miei personaggi. Oggi sono scrittrice a tempo pieno.”
Riccardo Bruni, autore di Il leone e la rosa: “Ho iniziato e semplicemente non ho più smesso. Sono arrivato ad Amazon KDP e ho potuto definirmi scrittore.”
Massimo Volta, autore di La superficie dell’acqua: “Fin da bambino vedevo mio padre scrivere. Per me è terapeutico.”

Alessandro Giuffré interviene e aggiunge:

 “in Italia si scrive tanto e si legge poco ma noi crediamo che qui ci siano i lettori del futuro.”

Ai commenti (negativi soprattutto) rispondo o no?

Mia Ceran chiede agli scrittori come si comportano quando ricevono i commenti dei lettori, soprattutto davanti a quelli negativi.

Massimo Volta risponde che i commenti al suo libro sono positivi ma “ce ne sono due negativi e mi stupisce che non siano stati motivati, al contrario di quelli positivi.” Stupore che condivido. C’è bisogno di una motivazione argomentata per poter rispondere. Altrimenti ha poco senso. Come si può avere un confronto con chi offende?

Solo una digressione su questo: c’è un post di Alessandra Farabegoli che mi ha colpito positivamente perché è nato proprio dal commento negativo di un utente (fortunatamente non era offensivo) ad un altro suo post. Questo, per me, è un buon esempio di comunicazione.

Torniamo agli scrittori. Riccardo Bruni ha risposto che “non è facile comprendere i feedback dei lettori. Credo che il loro apprezzamento per il mio libro nasca dalla percezione che, nonostante sia ambientato nel ‘500, colga i cambiamenti di oggi sul linguaggio.”

Questo libro non s’ha da pubblicare: il no delle case editrici 

Self publishing e rifiuto di pubblicazione da parte delle case editrici vanno a braccetto, anche se non sempre. Non tutti i selfpublisher (non mi fa impazzire come termine ma è più immediato dell’espressione “scrittori autopubblicati”) hanno scelto l’indipendenza a seguito di un no delle case editrici. (Non ho dati numerici su questo ma ho potuto percepirlo leggendo le esperienze degli scrittori in rete. Ovviamente se hai suggerimenti e dati in merito, scrivili nei commenti.)

Mi ha colpito molto l’esperienza di Massimo Volta:

“Portai il mio libro ad un’agenzia letteraria che mi spinse a pubblicarlo con Amazon KDP. Inviavo il mio romanzo alle case editrici ma si mostravano scettiche perché lo definivano “tutt’altro che consolatorio, triste e depressivo”. Dicevano che dovevo scrivere in modo più leggero: “alla Moccia”. Ma non ho voluto cambiare niente ed è andata bene.”

Hai capito Massimo Volta. Coraggioso. Ma anche chi decide di cambiare il suo libro, in base alle richieste della casa editrice, credo sia altrettanto coraggioso. Perché si tratta di stravolgere se stessi. Questo per dire che dipende sempre da cosa si cerca, come scrittore e come persona. A ciascuno le sue scelte.

Le domande del pubblico

Salone del libro - Il Blog degli scrittori Book to the future

Questa che segue non è una domanda ma LA domanda:

“Perché grandina a Maggio dopo che ho appena steso i panni?”
Ah no scusa. Pensavo ad alta voce.

Ecco la vera domanda:

“Come si fa ad uscire dall’ombra?”

Ma la risposta di Massimo Volta è strepitosa: “Non ne ho idea!”
E subito mi è apparsa l’immagine della Sora Lella: “Ah! Annamo bene! Annamo proprio bene!” Ma, per fortuna, Volta aggiunge: “Il mio libro è piaciuto ai lettori e per pigrizia personale non l’ho neanche sponsorizzato!”

E questa risposta ha il suo perché. Primo: è una risposta onesta. E questo ci piace – vabbè piace a me ma perché tu disdegni? –  e poi perché dimostra che raggiungere i lettori senza promuoversi – o autopromuoversi – si può.

Ma la mia idea rimane: hai scritto un libro? Fallo sapere ai possibili lettori. Per un semplice motivo: qualcuno che scrive come te (o meglio, o peggio) forse si sta adoperando “massicciamente” (detto terra terra) a dargli visibilità. E tu?

Credo un’altra cosa però: niente forzature, soprattutto in rete. Mi spiego: la tua natura è scrivere e non promuovere? Scrivi e basta. Capisco gli scrittori che dicono: “Scrivo. Mica sono un promoter.” Lo rispetto ma se non vuoi farlo, affida la promozione ad altri.

Promozione può sembrare un po’ vago come termine. Mettiamola così:

“mira alle persone potenzialmente interessate ai contenuti del tuo libro.”

Poi oh, magari il tuo è un bel libro e i lettori se lo leggono senza neanche un minimo di promozione. A quel punto, chapeau.

Giulia Beyman ha risposto che “non c’è una chiave precisa o una formula. Bisognerebbe cercare di essere presenti in modo fluido.”

Questa è una risposta che comprendo in base all’andamento della mia giornata (si sono abbastanza lunatica, c’entrerà che sono del segno del Cancro?). Sono serena? Il termine fluidità mi è chiaro e cristallino. Se invece me so svegliata dal lato sbagliato del letto – a Roma si dice in un altro modo ma te lo risparmio – allora mi dico: “fluidità, cioè? Un po’ vaga questa risposta, mha!”

Contestualizzando direi che essere fluidi implica non irrigidirsi in schemi personali e di scrittura, non aver paura di utilizzare strumenti nuovi di pubblicazione e avere il coraggio di esporsi. Forse voleva dire questo.

“Ma forse la chiave c’e'” dicono Giulia Poli e Alessandro Giuffré.

“È Il lettore. Lui da visibilità al vostro libro.”

E aggiungono: “lo scrittore può usare i social network e il blog ma non esiste un “trucco”. Ciò che conta, più dei like su facebook, sono le stelline su Amazon. Qui il libro ha vita lunga, non come in libreria che dopo tre mesi non si vede più. Poi, le possibilità aumentano se lo scrittore pubblica sia in digitale che in cartaceo. Se ad esempio, usate l’esclusiva di Amazon per 90 giorni e mettete l’ebook gratuito per 5 giorni potete raggiungere più lettori perché inseriamo il libro nel Kindle Unlimited.”

Mia Ceran chiede agli scrittori di chiudere l’evento con delle parole di incoraggiamento:

– Di scrivere non se ne può fare a meno (Bruni)

– State tranquilli riguardo ai dubbi sulle capacità tecniche, per l’autopubblicazione sulla piattaforma: è molto semplice! (Beyman)

– Questo è un bel momento per pubblicare perché le barriere si sono abbassate: ciò che conta sono i contenuti (Volta)

Spero ti sia stato utile leggere le conversazioni dell’evento di Amazon KDP al Salone del libro di Torino, se è così ne sono felice!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Autopromozione, Self publishing

Salone del Libro Torino: Self publishing, social network e le stelline di Amazon

Salone Libro Torino Il Blog degli scrittori

Il Blog degli scrittori al Salone del Libro Torino 2015

Sabato ho fatto un giro a Torino. Ho seguito l’evento di Amazon KDP sul Self publishing, al Salone Internazionale del Libro nell’area Book to the future. Così placidamente sono partita la mattina da Roma e tornata la sera. Ho viaggiato con Italo: bellissimo. Se poi ci metti che era gratis: fantastico!

Stai per digitare su Google “Italo biglietti gratis”? Lascia perde. Il mio è stato un caso fortunato. Te lo dico altrimenti potresti pensare che questo sia un post su Italo – e che mi retribuisce per fare tutto sto preambolo – e invece no. Questo è un post sul Self publishing e i social network.

Ma andiamo con ordine. Arrivo a Torino a l’ora di pranzo e riesco a seguire un evento quasi e mezzo (il mio treno ripartiva alle 16:30). Il primo è Scrittori e social network: parlare di libri nelle piazze digitali funziona?  di Gli Amanti dei libri.  Di questo vedo l’ultima parte.  Al secondo, quello che mi interessava di più, Avanti chi scrive, tu sarai il prossimo di Amazon, partecipo dall’inizio alla fine.

Prima di farti leggere, nel mio prossimo post, cosa ha detto Caio e come ha risposto Sempronio, voglio condividere con te alcune impressioni.

Meglio scrittori pre-social network o post-social network? Mha!

Il primo evento trattava dell’utilità dei social network per gli scrittori. Sono venute fuori un po’ di cosette interessanti  ma, come ti ho accennato, posso raccontarti solo una piccola parte della discussione. Te la stringo in breve:

gli scrittori del passato non usavano Facebook, Twitter e gli altri social. Come hanno raggiunto l’apprezzamento del pubblico? Uno degli ospiti dell’evento, lo scrittore Stefano Piedimonte, ha proposto una distinzione: scrittori del periodo pre-social network e scrittori post-social network. Mi sono chiesta: perché questa distinzione? I primi sono meglio degli altri? Non voglio sbilanciarmi su considerazioni errate ma ho avvertito, e forse mi sbaglio, una leggera critica nei confronti del rapporto tra social network e il mestiere dello scrittore.

Gli scrittori che li usano producono libri con un valore letterario diverso, rispetto agli scrittori del passato che hanno instaurato un legame con i lettori – Piedimonte ha citato l’esempio di Ken Follett – senza ricorrere ai social network?

Ribadisco: forse non ho colto correttamente il messaggio. Ma ho avvertito una sottile diffidenza nella relazione tra social network e scrittura. Come se uno strumento di comunicazione, fortemente immerso nella cultura digitale, fosse incompatibile con un’attività umanistica molto antica come scrivere per raccontare. Ma potrei sbagliarmi.

Oltre ai like c’è di più  

Mi ha colpito positivamente il pensiero di un’altra ospite, la giornalista Barbara Sgarzi. “Dobbiamo liberarci dalle metriche. Ottenere tanti like su Facebook non significa necessariamente aver scritto un buon libro. Anche perché li non c’è la possibilità di cliccare “non mi piace”.” I molti like su una pagina Facebook di un autore e del suo libro non ne decretano il successo soprattutto perché, come forse già sai, i “mi piace” non bastano a generare e a rafforzare la relazione con i lettori. Servono, oltre ad altre attività collaterali, commenti e condivisioni per aumentare l’interattività con le persone.

L’annosa questione della qualità

Forse, attraverso questo evento, si voleva salvaguardare la qualità dei contenuti dei libri e il diritto del lettore di fruirne. Un modo per dire: “Attenzione! Il successo sui social network non corrisponde necessariamente ad avere grandi capacità letterarie!”. Oppure ” Anche se scrivi un ottimo libro, non significa che riuscirai a farlo conoscere attraverso i social network!”.

D’accordo su tutto ma penso anche che i social siano un’opportunità.

E, soprattutto, credo che chi scrive un libro di qualità possa raggiungere i suoi lettori tramite – anche – la piattaforma di Zuckerberg e simili. Può incaricare qualcuno per farlo oppure può gestirsi da se.  E non è semplice. Perché, forse lo sai, siamo in uno stato di ”guerra dell’attenzione”:  far emergere la propria voce dal coro richiede un duro lavoro, protratto nel tempo.

Va bene sfatare i miti (ossia scrivo un libro, faccio un po’ di social media management e tiro su soldi a palate con le vendite). Ma ci sono casi diversi tra loro.

Mi viene in mente ancora la questione della qualità. Ne avevo già parlato qui: che valore hanno i libri autopubblicati? Lo stesso dei libri editi dalle case editrici?

Credo che possano coesistere scrittori di Self publishing e scrittori con case editrici alle spalle. È una scelta. Ci sono scrittori che non amano le piattaforme di autopubblicazione. Sono scelte. E ci sono scrittori che di case editrici non ne vogliono sentire parlare e puntano al Self publishing. Altre scelte. Ma non significa che una sia meglio dell’altra oppure che il libro scritto da chi usa i social per  dargli visibilità valga meno di chi, invece, utilizza i canali tradizionali come case editrici e giornali.

Le cose che contano sono 3:

  • i contenuti
  • i lettori
  • le stelline di Amazon

Punta alle stelline di Amazon: il resto è noia!

Salone del libro - Il Blog degli scrittori Book to the future

Sul perché delle stelline te lo spiego fra poco. Riguardo all’evento di Amazon KDP sul Self publishing, mi hanno colpito come gli argomenti fossero di natura opposta (quasi del tutto) rispetto all’evento precedente.

Ti anticipo che i 3 scrittori ospiti che hanno autopubblicato i loro libri – Giulia Beyman, Riccardo Bruni e Massimo Volta – hanno detto chiaramente che non c’è una chiave per il successo. Il responsabile di Amazon per la stampa dei libri (il servizio Createspace), Alessandro Giuffré, ha aggiunto:

“La chiave del successo sono i lettori.””

Quindi, più che i like di Facebook o i retweet di Twitter conta il numero delle stelline di Amazon, ad indicare se un libro è piaciuto oppure no.

Amazon tira l’acqua al suo mulino, ovvio. Ma quando Mia Ceran, la moderatrice dell’evento ha detto: “Giulia Beyman nel 2014 ha venduto più libri di Ken Follett“.

Bhè.

Non c’è bisogno di aggiungere altro, no?

Anzi, scusa, ti dico qualcosa in più. Si, cambio idea da un mezzo secondo all’altro e certi mal di testa potrei pure risparmiarmeli se trovassi pace. Ma così non è, perciò. Tu leggi qui sotto. Io prendo l’aspirina.

Libri autopubblicati di successo: cosa hanno in comune?  

Nella mia tesi di laurea magistrale, su Social network sites e Self publishing, ho cercato di comprendere cosa hanno in comune i libri autopubblicati di successo. Ma prima ho tentato di cogliere i motivi per cui certi prodotti culturali, nati e diffusi in internet, abbiano riscosso un notevole interesse tra il pubblico. Per farlo, ho confrontato le caratteristiche che accomunano il successo di The Blair Witch Project, il finto documentario uscito negli Stati Uniti nel 1999 – ancora tremo se ci penso – con quelle dei romanzi di Amanda Hocking, diventata famosa nel 2011 grazie al Self publishing.

Mi sono fatta un’idea:

“l’accostamento fantasy/paranormal e internet sembra funzionare molto bene tra il pubblico.”

Preparati perché pubblicherò un post su questo argomento.Tornata da Torino (abbastanza distrutta perché tutto in giornata e di fretta, però oh, un viaggio bellissimo), il giorno dopo mi vado a leggere la trama del libro di Giulia Beyman che ha venduto più copie di Ken Follett nel 2014. Te l’ho già detto, lo so. Ma “repetita iuvant”.

Scopro che la protagonista di Prima di dire addio (Nora Cooper Mysteries) è un agente immobiliare che investiga su un mistero attorno alla morte di suo marito, comunicando con lui nell’aldilà. Tra  l’altro, di libri la Beyman ne ha scritti 3 e tutti della stessa tipologia, cioè in serie. Questo, forse lo sai, ha molta presa sul pubblico. Cioè le storie in serie attraggono i lettori. Anche Amanda Hocking ha fatto la stessa cosa con i suoi romanzi fantasy/paranormal.

La stessa Beyman ha detto: “non c’è la chiave del successo ma cercate di essere presenti in modo fluido.” Non so cosa significhi ma un’idea ce l’ho: farsi trasportare dai cambiamenti. Allora, per quanto mi riguarda se mi dici: “scrivi un romanzo fantasy/paranormal in serie”  ti rispondo: “ma anche no.”

Così d’emblée non mi attira neanche un po’. Mi rendo conto che mi precludo una strada ma la mia idea di fondo è agire in base a ciò che sento (ecco perché, tra l’altro, cambio spesso idea) cercando di non tradire la mia natura. Poi, un giorno chissà. Tutto “poesse”.

Lascia un commento

Archiviato in Self publishing, Social network