Social networks, perché li usiamo?

 

Blog degli scrittori social network perché li usiamo

 

Aumenta l’uso dei social networks e il numero degli iscritti. Solo in Italia, il 92% delle persone possiede un account. Facebook, nonostante sia diminuita la presenza dei più giovani, “disturbati” dalla presenza di troppi adulti – come quelli di 35 anni, tipo me ma il tempo passa per tutti…ne riparliamo tra qualche anno, ragazzi, eh? – rimane il social network più diffuso. Ma come mai dedichiamo parte del nostro tempo ai social networks?

Si vocifera che siano ore perse. Ma è davvero così? O ci sono dei motivi precisi che, in realtà, ci spingono a scorrere lo schermo, a volte freneticamente, per visualizzare i post degli altri? Sarebbero 4 i motivi per cui li usiamo. Il primo è la sicurezza.

Gli altri 3?E` tutto scritto qui sotto.

 

Qualche dato sui social networks non guasta

Usiamo i social networks ogni giorno. In Italia l’utilizzo medio è del 61%  e il 92% degli italiani è in possesso di un account. Facebook si conferma il più frequentato, in modo particolare dal 49% degli utenti, a fronte dell’83% che possiede un account. Riguardo a Google + la percentuale d’uso è del 16% mentre è il 53% ad aver aperto l’account, a seguire Twitter risulta con il 15%, poco meno utilizzato di Google + e con il 41% degli account registrati. Linkedin e Instagram sono usati dal 9% degli utenti e, rispettivamente, il 24% e il 17% ha generato un account. (Ho riportato i dati estrapolati da Francesco Russo dal report di We are social, del mese di Gennaio 2014).

Ma la vera domanda è:

 

Quali sono i bisogni che ci spingono ad usare i social networks nel nostro quotidiano?

 

 

Usiamo i social networks per 4 motivi

Per rispondere, sto consultando alcuni testi che mi saranno utili per scrivere la mia tesi di laurea specialistica su Self publishing e social networks. Tra i vari libri, ho trovato utile il volume di Giuseppe Riva, I social network (Il Mulino, Bologna, 2010), in particolare quando analizza i motivi che ci portano ad usare i social networks nel nostro quotidiano. Questi sarebbero:

 

Sicurezza

  • Induce a metterci in contatto con persone che, in un modo più o meno approfondito, già conosciamo nella nostra vita off line. Essere in contatto con loro, ha la funzione di aumentare il controllo sulla loro identità, su cosa scelgono di esprimere di se stessi e in quale modo. Forse non è fuori luogo ipotizzare che, in buona parte, il successo dei social networks sia proprio in queste dinamiche di controllo sociale in cui si osservano gli altri mentre si guarda se stessi, attuando un confronto tra identità. Conoscere le personalità altrui, fornisce gli elementi per comprendere la propria e attuare strategie di controllo per esprimerla in relazione con gli altri.

 

Bisogni associativi

  • E` ancora l’identità ad essere in gioco: abbiamo la necessità di esprimere idee e emozioni, su determinati argomenti e esperienze, e di sapere cosa ne pensano le persone con cui siamo in contatto. Dibattere con gli altri su certe opinioni o idee, confrontarsi o, come spesso accade in rete, scontrarsi significa comunicare parti della nostra identità.

 

Autostima

  • Può crescere quando si è scelti dagli altri come amici. Ma non è sempre così. E` il contesto ad incidere su questo bisogno. Chi usa i social networks per lavoro avrà l’obiettivo di avere tra i contatti un numero rilevante di persone mentre coloro che li utilizzano, ad esempio, soprattutto per rimanere in contatto con la famiglia, che si trova in un altro continente, non avrà come principale interesse quello di ampliare notevolmente la sua cerchia.

 

Autorealizzazione

  • Avviene quando possiamo parlare di noi stessi agli altri e pubblicare contenuti utili ai nostri amici e follower. Qui c’è un aspetto che potrebbe essere sottovalutato: la consapevolezza nell’uso del mezzo. A quanti è accaduto di aver pubblicato un commento, una foto, un video o altro ed essersi pentiti? La certezza del pieno controllo di come si esprima la propria identità,  in rete, forse non è così certa come si potrebbe pensare. Il controllo dell’espressione di se stessi in rete è paragonabile ad un filo molto sottile, che si incontra con molti altri fili: per farlo è necessario acquisire la capacità di saperli muovere, con estrema accortezza.

 

Annunci

2 commenti

Archiviato in Social network

2 risposte a “Social networks, perché li usiamo?

  1. Io ci ho scritto la tesi triennale sui Social network sites! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...